Non sei registrato? Password dimenticata?


 

La tarda estate scorsa

Postfazione di Giorgio Soavi

Collana: Tempi liberi

Edizione: 2019, pp. 80
ISBN/ISSN: 978-88-6194-445-9

 

 


Il libro

La tarda estate scorsa: un’estate molto calda dove “l’aria fumica per la calura”, come cantava Alceo nella magnifica interpretazione di Salvatore Quasimodo. Un’estate che invita al metaforico viaggio verso la propria Itaca visitando, lo auspica Kavafis, porti dove incontrare ricordi vagando senza meta, fra pagine sparse di libri cari.
E poi soffermarsi in riletture capaci di sollecitare nuove emozioni, rivisitando antiche suggestioni, nell’attesa che calino le ombre della sera su di un giorno che si è aperto con “l’alba d’estate [quando] niente si muoveva” per accogliere “la bella dalle dite di rosa aurora” ambasciatrice dei raggi di quel sole ora al tramonto.
E anche la tarda estate scorsa volge al tramonto, mentre si avvertono le prime dolci penombre dell’autunno, anticipatrici dell’inverno del nostro scontento… Uno scontento mitigato dalla scrittura di queste pagine, nel vago tentativo di fermare l’inesorabile fluire del tempo che passa…  

 

L'autore

Gianfranco Dioguardi è nato a Bari (1938) dove, godendo delle albe rosate con il sole sorgente dal nostro Adriatico, ha insegnato per oltre trent’anni nel Politecnico, scrivendo libri di organizzazione e di varia cultura. Vive ora a Milano insieme con Carla, sua moglie, corteggiando la cultura fra libri e ricordi. 


Al momento, non risultano presentazioni in programma

Al momento, non risultano recensioni.

Al momento, non risultano recensioni dei lettori.

Che pensi di questo libro? Spiegalo ai lettori. Fallo sapere all'autore.

Nome

Email