Non sei registrato? Password dimenticata?


 

Giuseppe Poli

CittÓ contadine

La Puglia dellĺolio e del grano in etÓ moderna

Collana: UniversitÓ

Argomenti: Storia, Alimentazione Cucina Gastronomia, Stili di vita Tempo libero

Edizione: 2004, pp. 240
ISBN/ISSN: 88-88550-56-9

Prezzo: € 16.50

  

 


Il libro

Perché la Puglia ha una struttura urbana in cui prevalgono le città contadine? Per rispondere a tale quesito l'autore esamina le caratteristiche assunte dalle campagne pugliesi nell'età moderna riconducendone gli assetti fondamentali all'interazione dei fattori di ordine sociale, economico, istituzionale, geografico e ambientale. L'organizzazione del paesaggio agrario rispecchia la diversità delle realtà urbane che contraddistinguono le comunità pugliesi, la cui struttura socio-professionale è significativa della loro dinamicità e condiziona il coinvolgimento nella modernizzazione alla fine dell'Antico Regime. A partire dall'inizio dell'età moderna si consolidano forme antitetiche di sfruttamento del suolo che riconducono a realtà socio-economiche diverse. Dove prevalgono le colture arboree e arbustive, si consolida una società rurale più dinamica e più aperta ai processi di modernizzazione. Essa scaturisce da un'economia rurale fondata sulla marcata diffusione della piccola e media proprietà fondiaria, che determina una articolazione di condizioni e di profili socio-professionali altrove più difficilmente riscontrabili. Dove, invece, la concentrazione della terra è nelle mani di grossi proprietari di estrazione laica o ecclesiastica, unitamente all'esistenza di ampie superfici demaniali, determina la prevalenza della monocoltura granaria e della pastorizia nomade, come nella Daunia piana, anche la società appare condizionata da una minore vivacità e da una semplificazione delle condizioni sociali. Popolazione, articolazione socio-economica e vivacità culturale costituiscono il risultato di una lenta evoluzione, le cui manifestazioni si colgono già all'inizio dell'età moderna, si consolidano nei primi due secoli di questo periodo e si definiscono nel corso del Settecento. Gli sviluppi successivi sono il trascinamento inerziale di queste premesse che il miglioramento delle condizioni generali dell'Ottocento contribuiscono a far esplodere e a rafforzare ulteriormente.

 

L'autore

Giuseppe Poli è professore associato di Storia moderna presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell'Università di Bari. Tra i suoi lavori, "Paesaggio agrario e società rurale nella Puglia moderna", Bari 1996; "Paradigma di un'insorgenza. Trani nel 1799", Bari 2000.

 

Altri titoli di Giuseppe Poli editi da Progedit:

 


Al momento, non risultano presentazioni in programma

Al momento, non risultano recensioni.

Al momento, non risultano recensioni dei lettori.

Che pensi di questo libro? Spiegalo ai lettori. Fallo sapere all'autore.

Nome

Email