Non sei registrato? Password dimenticata?


Dicono di noi

"Impressioni di lettura": recensione di Francesco De Martino, professore ordinario di Letteratura Greca, a "Un vuoto nella pancia" di Francesca Sivo


Venerdì 4 Gennaio 2019

Cara Francesca,


di ritorno da Firenze, ho letto il tuo racconto e scorso le raffinate illustrazioni.


Sei stata brava ad assumere il punto di vista di tua figlia e a raccontare non il tuo ma il suo “vuoto nella pancia” (che la lega alla mamma “di pancia”) e il bivio nel quale vive tra le seduzioni del nostro benessere e l’incanto della neve, degli alberi e della libertà di un’altra landa e di un altro tempo.


La scansione quasi strofica dà alle pagine l’aspetto di un canzoniere, una raccolta di versi insoliti, versi lenti e lunghi, epigrammi per bambini.


Tra le altre mi ha colpito la pagina 14, dove è interessante la descrizione dei pathemata della rabbia “rossa”, con spunti saffici, come il “fuoco” o la vista (“non vedo più nulla”).


Colpisce soprattutto la capacità di descrivere con gli occhi di una bambina dettagli speciali, dai pantaloni dei maschietti, agli odori, come quello di “formaggio intenso”, ai “vuoti” della memoria, alle “mancanze”, allo “smarrimento”.


Un abbraccio affettuoso,


Francesco De Martino

 

Francesca Sivo

Un vuoto nella pancia

Lettera a una maestra

Una bambina e una storia di dolore e speranza, nostalgia e amore.

Leggi la scheda Acquista