Non sei registrato? Password dimenticata?

Cucina e tradizioni a Natale

I nostri libri dedicati alla cucina e alle tradizioni. Partendo dalla Puglia e dalla Basilicata: regioni da scoprire attraverso odori, storie, sentieri e ricette. 

E poi in volo per il Sudamerica, lì dove nasce la magia del cioccolato.


Inoltre, se spenderai almeno 30.00 € sul nostro sito, ti invieremo in omaggio I giorni della festa. Miti e riti pugliesi tra memoria e realtà.
Al raggiungimento della soglia concorrono sia i libri che gli EPUB e i PDF. 
Per tutti i libri del nostro catalogo la spedizione è gratuita.

 

Manlio Triggiani

Favole lucane

 

Illustrazioni di Clara De Cristo
Collana: Briciole
Edizione: 2016, pp. 196 con ill. a col.
ISBN/ISSN: 978-88-6194-313-1

 

 

Il libro

Questi racconti della tradizione e della cultura lucane mostrano, in filigrana, i valori di una comunità e lo spaccato di un mondo non ancora scomparso. È un miracolo che sopravvivano queste favole, visto come la Lucania è stata bistrattata dalla storia: con l’unità d’Italia il territorio subì una pesante repressione del brigantaggio che colpì con leggi vessatorie i “basilischi”. Tra Ottocento e Novecento, la regione conobbe un’emigrazione verso il “nuovo mondo” senza precedenti. Interi paesi sono oggi disabitati.
Eppure, eccola rispuntare la civiltà dei Lucani da una sapienza antica che in storie e storielle argutamente sorride alla sorte. Fanno da corona fate, mostri, monacelli, angeli, bambini, principi azzurri, re e regine, zingare e draghi, lupi, volpi, uccelli, orchi e ragazze brave, cattive, povere, belle e fortunate.
Il libro si rivolge, come le Favole pugliesi, più volte ristampate, a un pubblico di giovani perché forgino la propria identità e a un pubblico di adulti perché si riconoscano nel passato.

 

 


Vittorio Stagnani, Corrado Palumbo

Lucania fuori strada

 

Collana: Lunari
Edizione: 2016, pp. 216 a col.
ISBN/ISSN: 978-88-6194-272-1

 

 

Il libro

No, decisamente no! Non hanno voluto chiamarla Basilicata… Suona meglio Lucania, hanno pensato i due autori di questo viaggio, perché richiama alla mente boschi fitti e accoglienti, monti duri e dominanti, fiumi freddi e generosi, calanchi brulli ma affascinanti. Lucania (dal latino lucus, bosco) fa pensare a folletti, streghe e briganti; fa sognare percorsi in una natura varia e a tratti incontaminata. E poi… richiama il pino loricato che resiste da secoli alle rigide temperature delle alte quote del Pollino, simbolo dei Lucani orgogliosi e tenaci. 
Con l’occhio dei “curiosi viaggiatori” i due autori hanno attraversato questa terra in lungo e in largo, esplorato e conosciuto le intime bellezze del territorio, la semplicità, l’amicizia dei suoi abitanti, le loro tradizioni e la rustica gastronomia, i tesori che questa regione schiva e semplice racchiude. Il loro è stato però un viaggio “fuori strada”, lontano percorsi commerciali, peraltro utilizzando il mezzo di trasporto più antico ed ecologico: i nostri piedi.
Nelle pagine che seguono si racconta di escursioni effettuate nel corso degli anni, sicché da alcune descrizioni i più esperti potranno raccogliere dati utili da riportare su cartine IGM per ripetere il percorso. Ma potranno gustarle anche coloro che non possono o non vogliono calzare scarponi e indossare uno zaino.
Anche la scelta delle foto è “fuori strada”: non sono infatti immagini “ricercate” o elaborate. Sono scatti effettuati durante le escursioni descritte, in condizioni di luce, climatiche e di equilibrio non sempre ideali.

 

 


Michele Fanelli

Bari l'odore del mare

Tra storia, arte, fede e cucina

Collana: Lunari
Edizione: 2016, pp. 144 con ill. a col.
ISBN/ISSN: 978-88-6194-319-3

 

 

Il libro

Una città del Mediterraneo, al crocevia di civiltà diverse, ha un rapporto forte, quasi esclusivo, con il mare che la bagna, la nutre, la protegge. Dal mare Bari ha ricevuto la vita, ma dal mare sono giunti anche i pericoli, le incognite e le sfide che l’hanno poi aiutata a crescere al rango di metropoli, aperta e pulsante di scambi con altri popoli e culture.
Odoroso di venti e flutti, questo libro è il tributo che uno studioso delle tradizioni popolari rivolge alla sua città, ricostruendo le storie, i momenti e i personaggi che l’hanno illustrata dalle origini sino a oggi.
Sono storie di amore e rispetto, di incanto e commozione per il mare, teatro di invasioni, di trafugamenti di santi patroni, di feste, mestieri e arti che si dipanano nei ricordi e nella documentazione che l’autore ha raccolto per i suoi lettori.
Pagina dopo pagina, si alternano così leggende, storie e storielle, si cantano canzoni e ritornelli, si rispolverano usanze e divertimenti, si insegnano le ricette e i piatti di mare. Re assoluto della tavola: il crudo.

 


a cura di Teresa De Francesco

Puglia. Visioni d'autore

 

Collana: Itinerari
Edizione: 2016, pp. 248 con ill. a col.
ISBN/ISSN: 978-88-6194-283-7

 

 

Il libro

Ci sono molti modi per visitare una regione; il modo migliore per emozionarsi è comprenderne la vera natura, osservare, imparare a conoscere gli usi e costumi della popolazione, le sue contraddizioni, lasciarsi coinvolgere con tutti i sensi fino a scoprirne l’essenza.
È quanto hanno fatto gli Autori dei brani raccolti in questa antologia, tutti vissuti nel XX secolo: le loro esperienze personali in Puglia ci hanno lasciato testi di grande bellezza in cui la realtà geografica e culturale è trasfigurata in vere “visioni”, quasi degli affreschi in cui ogni lettore può immergersi ritrovando la medesima emozione.
Perché la Puglia è terra di approdi e di partenze, terra di transito dove scompaiono i confini tra culture che si incontrano, mescolandosi; luogo dove la terra e il mare si sposano con declinazioni sempre diverse sotto la luce accecante del sole riflessa sulla pietra che affiora ovunque, scabra, lavorata o rivestita a calce, contraltare ad un buio mondo sotterraneo fatto di grotte, ipogei e chiese rupestri di inimmaginata bellezza; dove la profonda religiosità si fonde con riti e tradizioni che ricordano miti pagani mai del tutto sepolti.
In Puglia il mondo arcaico e meraviglioso della campagna riesce a convivere con il mondo contemporaneo senza perdere la sua forte identità grazie al lavoro di uomini dalla proverbiale operosità. Un’identità “meticcia”, un crogiolo di popoli, lingue e religioni in cui si incontrano Oriente e Occidente come non avviene in nessun altro luogo.
Di tutto questo, e molto altro, raccontano i brani di questa antologia, un breviario di arte, letteratura, paesaggio, bellezza; insomma, un breviario di Puglia.

 


Pietro Semino

L'arte culinaria del cioccolato

Storie e ricette

Collana: Lunari
Edizione: 2015, pp. 148 con ill. a colori
ISBN/ISSN: 978-88-6194-270-7

 

 

Il libro

La storia del cacao e del cioccolato è il racconto di un viaggio che ha inizio nell’America tropicale, approda successivamente in Spagna con i conquistadores e si diffonde nel resto d’Europa. In origine, l’«azteca» sostanza veniva utilizzata per preparare una specie di bibita denominata chacau haa; poi tutto cambiò…
L’autore, nel suo viaggio intorno al mondo, ci parla dell’ingrediente principe di tante ricette, dolci e salate, nonché dell’alimento perfetto, ricco di antiossidanti e di eccellenti effetti sull’umore, targato… cacao.
Non mancano una piccola guida a storia, cultura e curiosità del prodotto: dalla coltivazione del cacao alla lavorazione del cioccolato; e poi una messe di informazioni conoscitive sull’acquisto, la conservazione e la degustazione di questo vero e proprio cibo (e bevanda) del benessere, oggi più che mai innalzato a icona di gusto e stile.
Seguono oltre 100 ricette, dall’antipasto al dessert, via la realizzazione di esoticissimi drink caldi e freddi.