Non sei registrato? Password dimenticata?

Novità e ristampe novembre 2016

Cari amici lettori, 

segnaliamo le novità e le ristampe Progedit.

Vi ricordiamo che le nuove uscite e tutto il catalogo possono essere acquistati direttamente dal nostro sito senza spese di spedizione, oltre che da tutte le migliori librerie anche online.



NOVITÀ SAGGISTICA
 

      

   


NOVITÀ NARRATIVA


NOVITÀ NARRATIVA PER RAGAZZI E BAMBINI

   


 

 

NOVITÀ SAGGISTICA

Loredana La Fortuna
, La cucina di design. Cibo, tendenze, moda

Quali valori e funzioni il design aggiunge agli oggetti e ai segni alimentari?
pp. 104, € 15.00, ISBN: 978-88-6194-302-5

Anna Maria Cotugno, Trifone Gargano, Dante pop. Romanzi Parodie Brand Canzoni

Il Dante poco conosciuto e studiato nelle riscritture attuali dei romanzi, dei fumetti e della musica.
pp. 152, € 15.00, ISBN: 978-88-6194-320-9 

Giuseppe Elia, Prospettive di ricerca pedagogica
Temi e questioni della contemporaneità su cui la pedagogia è chiamata a dare risposte.
pp. 148, € 16.00, ISBN: 978-88-6194-309-4 

Pietro Battipede, Antonio La Scala, Cruciverba di diritto processuale penale. Metodo di verifica
La cruciverbistica utilizzata per verificare il grado di preparazione nelle materie giuridiche.
pp. 204, € 20.00, ISBN: 978-88-6194-295-0 

Michele Fanelli, Bari l’odore del mare. Tra storia, arte, fede e cucina, disegni di Saverio Romito.
Bari e il suo mare: leggende e storie, canzoni e usanze, ricette e piatti.
pp. 144, € 15.00, ISBN 978-88-6194-319-3 


NOVITÀ NARRATIVA

Anna Maria Disanto, La tagliatrice di tende. Peppa la pazza
Il segreto che nasconde il bizzarro gesto di una donna selvatica.
pp. 124, € 15.00, ISBN: 978-88-6194-318-6 


NOVITÀ PER BAMBINI E PER RAGAZZI

Ettore Catalano, Massimo d’Azeglio. Ettore Fieramosca, ill. di Noemi Quintieri
Un classico con cui riscoprire valori e ideali ormai persi.
pp. 80 con ill. a col., € 15.00, ISBN: 978-88-6194-315-5 

Manlio Triggiani, Favole lucane, ill. di Clara De Cristo
C’era una volta una terra dove nacquero le favole.
pp. 196 con ill. a col., € 19.00, ISBN: 978-88-6194-313-1
 
 

 

RISTAMPE SAGGISTICA 

Leonardo Rinella, La Costituzione della Repubblica Italiana
Leonardo Sebastio, Per la didattica della lingua italiana. Con un micromanuale di pronuncia italiana di A.M. Di Donna
Angelo Michele Di Donna, L’italiano parlato. Ortofonia e recitazione per la didattica
Giuseppe Annacontini, Rosa Gallelli, a cura di, Formare altre(i)menti. Quaderni di “MeTis” 2
Isabella Loiodice, a cura di, Sapere pedagogico. Quaderni di “MeTis” 1
Manlio Triggiani, Storia del Natale. Culti, miti e tradizioni di una festa millenaria
Pietro Sisto, I giorni della festa. Miti e riti pugliesi tra memoria e realtà 

RISTAMPE NARRATIVA PER BAMBINI

Raffaella Cannone, Giocare al teatro

Leonardo Rinella, Il piccolo cittadino, ill. di Michele Barone
Anna Baccelliere, Liliana Carone
In punta di stella. Racconti, pensieri e rime per narrare la Shoah

 

 


Loredana La Fortuna

La cucina di design

Cibo, tendenze, moda

Collana: Culture Segni Comunicazione
Edizione: 2016, pp. 104
ISBN/ISSN: 978-88-6194-302-5

 

 

Il libro

È sempre più difficile parlare di design. Ma ancora più complesso è riflettere su quel design che si propone di lavorare “in cucina” e per l’alimentazione. Arredi, stoviglie ma, soprattutto, oggetti, i cibi, che per definizione oggetti non sono, negli ultimi anni sono stati sottoposti al vaglio critico e progettuale di un nuovo di tipo di design, il food design, che ha trasformato in bello quello che per secoli è stato semplicemente buono.
In un momento storico e culturale in cui il piacere del cibo ondeggia tra l’ortoressia, l’ossessione per la più corretta alimentazione, e una collettiva gastromania, siamo inevitabilmente indotti a chiederci: in che cosa consiste questa relazione tra food e design? Quali valori e funzioni il design aggiunge agli oggetti e ai segni alimentari? E perché oggi si sente il bisogno di un design del e per il cibo?
Lo scopo di questo libro è quello di riflettere su questi nuovi dilemmi dell’onnivoro contemporaneo.
Correda il volume una galleria di immagini di food design disponibili al seguente link:
http://www.progedit.com/fooddesign/

 

L'autore

Loredana La Fortuna insegna Italiano e Storia nella scuola secondaria di secondo grado ed è Dottore di ricerca in Teoria del linguaggio e scienze dei segni. I suoi interessi primari sono la letteratura, l’arte e il design. Tra le sue ultime pubblicazioni Raccontare nonostante tutto. Raffaele Nigro e la scrittura (FaLvision 2014).

 


Anna Maria Cotugno, Trifone Gargano

Dante pop

Romanzi Parodie Brand Canzoni

Collana: Letterature
Edizione: 2016, pp. 152
ISBN/ISSN: 978-88-6194-320-9

 

 

Il libro

Questo libro offre un Dante poco conosciuto e poco studiato, quello dei romanzi, dei fumetti, delle opere teatrali, degli spettacoli musicali che, con esplicite ri-scritture della Divina Commedia, o con l’assunzione del poeta come personaggio, continuano ad arrivare sul mercato del consumo culturale. In questo fenomeno di grande rilievo comunicativo e letterario si mescolano e contaminano il Dante mandato a memoria; quello dei brand alimentari delle nostre tavole; quello scanzonato e simpatico delle parodie; quello cantato dai nostri maggiori cantautori (Guccini, Vecchioni, Capossela, De André, Nannini, Jovanotti, De Gregori, Vecchioni, Grignani, Ligabue e altri), in testi che hanno fatto la storia della canzone d’autore contemporanea, accompagnando e segnando il cammino della società italiana, dagli anni tumultuosi del terrorismo, fino allo smarrimento postmoderno dei nostri giorni. Ma il libro rivisita anche cinque romanzi danteschi, firmati da scrittori contemporanei che si confrontano con il testo della Divina Commedia, traendone idee narrative avvincenti e originali: il Dante settario, dell’Ultimo Catone; quello contemporaneo di American Purgatorio, in cui «l’idea del peccato è quasi estinta»; la donna salvifica di Dante Game; il peccato e la redenzione di Operazione Inferno; il serial killer del Circolo Dante, che uccide per “salvare” Dante.

 

L'autore


Anna Maria Cotugno
è docente di Storia e critica della Letteratura Italiana presso il Dipartimento di studi umanistici dell’Università degli studi di Foggia. La ricezione del modello dantesco nel romanzo contemporaneo è al centro dei suoi interessi scientifici. Ha pubblicato tra l’altro Una riscrittura dantesca in chiave di ‘giallo storico’: I delitti della Medusa di Giulio Leoni (Foggia 2013) e Omicidi danteschi (Foggia 2014).

Trifone Gargano insegna lingua e letteratura italiana negli istituti secondari ed è professore a contratto di Didattica della lingua italiana presso l’Università di Foggia. Ha pubblicato Virtute e c@noscenza. Antologia della Commedia di Dante (Laterza, 2010). Per i nostri tipi ha pubblicato La letteratur@ al tempo di Facebook. Scrivere, leggere e insegnare storie da Omero al web 2.0 (2016²) e Geo-Storia della lingua italiana. Questioni Testi Didattica (2016).

 

 


Giuseppe Elia

Prospettive di ricerca pedagogica

 

Collana: Pedagogie
Edizione: 2016, pp. 148
ISBN/ISSN: 978-88-6194-309-4

 

 

Il libro

Le problematiche affrontate all’interno del testo (la ricerca pedagogica, la solidarietà, la famiglia, la comunicazione, l’educazione interculturale, l’educazione alla politica) rappresentano alcuni dei nuclei tematici emergenti sui quali la pedagogia è chiamata a dare delle risposte e a proporsi a livello interdisciplinare nell’ambito del dibattito scientifico e culturale.
La pedagogia, infatti, nel momento in cui si propone di raccogliere le sfide educative della società della complessità, manifesta immediatamente un carattere, cioè la necessaria adattività.
Essa cerca, quindi, di delineare orientamenti per l’azione che necessariamente sono radicati nella storia e nella cultura e che devono rapportarsi alle varie istituzioni e ai differenti ruoli educativi presenti nella società dalla quale essa scaturisce.

 

L'autore

Giuseppe Elia è professore ordinario di Pedagogia generale e sociale presso il Dipartimento di Scienze della formazione, psicologia, comunicazione dell’Università degli Studi Aldo Moro di Bari. Coordinatore del dottorato di ricerca in “Dinamiche formative ed educazione alla politica” dal 2011 al 2015, attualmente fa parte del collegio di dottorato in Scienze delle relazioni umane. Componente in diversi comitati scientifici di collane e riviste, ha condotto studi e ricerche sul versante storico-pedagogico, della valutazione, della formazione dei docenti e dirigenti scolastici, dell’integrazione dei soggetti disabili e delle problematiche di carattere istituzionale e socio-educativo. Revisore per la valutazione dei prodotti della ricerca VQR 2004/2010 e 2011-2014, dal 1 luglio 2013 coordina il corso di laurea in Scienze della formazione primaria. Fra le sue pubblicazioni più recenti: La complessità del sapere pedagogico tra tradizione e innovazione (Milano 2015); Le sfide sociali dell’educazione (Milano 2014); I giovani e l’educazione. Saggi di pedagogia (in coll., Milano 2012). Per i nostri tipi ricordiamo Questioni di pedagogia speciale. Itinerari di ricerca, contesti di inclusione, problematiche educative (2012) e A scuola di cittadinanza. Costruire saperi e valori etico-civili (2014).

 


Pietro Battipede, Antonio La Scala

Cruciverba di diritto processuale penale

Metodo di verifica

Collana: Strumenti
Edizione: 2016, pp. 204
ISBN/ISSN: 978-88-6194-295-0

 

 

Il libro

Cruciverbistica è il linguaggio formalmente definito che ha come scopo la definizione di altri linguaggi. Ma quali peculiarità si possono riscontrare nel linguaggio delle parole crociate? Quali benefici e utilità possono apportare in un percorso conoscitivo o didattico?
L’autore, forte del bagaglio di una esperienza diretta, utilizza questo metodo nell’ambito delle materie giuridiche. Non ai fini dell’apprendimento ma per un percorso di verifica. In tal modo gli appassionati di enigmistica, ma soprattutto i professionisti nel campo del diritto e gli studenti, potranno confrontarsi al fine di verificare, tra il gioco e lo studio, il proprio grado di preparazione.
Ci si può chiedere: qual è la differenza tra la verifica tradizionale e quella effettuata attraverso il cruciverba?
Nel primo caso a una domanda corrispondono una o più risposte, o si lascia al soggetto di riportare l’eventuale soluzione in uno spazio lasciato in bianco.
Nel secondo le difficoltà aumentano notevolmente poiché occorre comprendere la domanda per poi fornire una risposta. Domande e risposte non sempre risultano lineari.
Da queste difficoltà, che spesso sono alla base di quelle riscontrate in sede di esami e di concorsi in genere, ognuno può testare e comprendere le eventuali lacune. Non solo. Spesso si è convinti che la risposta fornita sia quella giusta e invece, andando a incrociarla con altre risposte, può venire fuori l’errore.
Nella seconda parte, il saggio ospita una pratica e completa sintesi di Diritto Processuale Penale.

 

L'autore


Pietro
Battipede (Bari, 1956), già Primo Dirigente della Polizia di Stato, autore di numerosi saggi giuridici, ha scritto romanzi giallo-polizieschi per ragazzi dai contenuti altamente sociali ed educativi, nei quali la trama si sposa con le tematiche dell’educazione alla legalità. Ricordiamo quelli delle collane “Mark il piccolo detective” (Secop Edizioni) e “Le indagini del giovane Pallock” (Curcio Editore). È anche autore di noir e thriller, tra cui Ingiustizia sotto pelle (Secop 2008), La città degli ultimi (Palomar 2009), L’ultima risonanza (Falzea 2010), Il colore nero del limone (Secop 2012), Colpevole di omicidio futuro (Il Grillo Editore 2014), Una Storia diversa (Edizioni Fasidiluna 2014). Per i nostri tipi ricordiamo la cura della collettanea Io non ho più paura (2016).

Antonio La Scala
, iscritto all’Ordine degli avvocati di Bari, è specializzato in Diritto penale della Pubblica Amministrazione e in Diritto penale dell’impresa, è avvocato cassazionista dal 2010. È stato ufficiale della Guardia di Finanza. Docente a contratto di numerose discipline presso la LUM Libera Università Mediterranea Jean Monnet di Casamassima (Bari) e in altre università, è impegnato nell’attività professionale e pubblicistica. Ricopre l’incarico di presidente nazionale dell’Associazione Penelope Italia Onlus, che si occupa delle famiglie e dei parenti delle persone scomparse.
Autore di numerose monografie in materia penale, per i nostri tipi ricordiamo il suo contributo alla collettanea Io non ho più paura.

 


Michele Fanelli

Bari l'odore del mare

Tra storia, arte, fede e cucina

Collana: Lunari
Edizione: 2016, pp. 144 con ill. a col.
ISBN/ISSN: 978-88-6194-319-3

 

 

Il libro

Una città del Mediterraneo, al crocevia di civiltà diverse, ha un rapporto forte, quasi esclusivo, con il mare che la bagna, la nutre, la protegge. Dal mare Bari ha ricevuto la vita, ma dal mare sono giunti anche i pericoli, le incognite e le sfide che l’hanno poi aiutata a crescere al rango di metropoli, aperta e pulsante di scambi con altri popoli e culture.
Odoroso di venti e flutti, questo libro è il tributo che uno studioso delle tradizioni popolari rivolge alla sua città, ricostruendo le storie, i momenti e i personaggi che l’hanno illustrata dalle origini sino a oggi.
Sono storie di amore e rispetto, di incanto e commozione per il mare, teatro di invasioni, di trafugamenti di santi patroni, di feste, mestieri e arti che si dipanano nei ricordi e nella documentazione che l’autore ha raccolto per i suoi lettori.
Pagina dopo pagina, si alternano così leggende, storie e storielle, si cantano canzoni e ritornelli, si rispolverano usanze e divertimenti, si insegnano le ricette e i piatti di mare. Re assoluto della tavola: il crudo.

 

L'autore


Michele Fanelli
(Bari 1954), amante del vernacolo e della tradizione popolare, sin da giovane ha organizzato un gruppo teatrale nella Cattedrale di Bari. Presidente del Circolo A.C.L.I. E.N. Dalfino dal 1994, è impegnato in iniziative per la rinascita della Città Vecchia. Tra le pubblicazioni dedicate alle tradizioni, ricordiamo, per Progedit, i più volte ristampati: Bari vecchia porte aperte. Odori, sapori, superstizioni, liti, bestemmie (2008), Tradizioni baresane. Storie, mestire e candine, credenze, usanze e checcine (2011), La cucina del sottano. Ricette, usanze e buone creanze baresi (2013).

 

 


Anna Maria Disanto

La tagliatrice di tende

Peppa la pazza

Collana: Iris
Edizione: 2016, pp. 124
ISBN/ISSN: 978-88-6194-318-6

 

 

Il libro

Nonna Mia racconta alla nipotina Chicca la storia di Peppa, sua coetanea ormai defunta. La bizzarra e selvatica donna, spirito libero e altero, praticava una particolare attività notturna tutta sua: tagliare le candide tende pazientemente lavorate all’uncinetto, messe a protezione degli usci dei piani bassi.
Quell’attività apparentemente priva di senso, per lei enigmatica ed affascinante, nascondeva un profondo significato, che si dipanerà nel ritratto e nei ricordi di chi l’aveva conosciuta.
Per l’adolescente Chicca sarà una sorta di rito di iniziazione che la nonna le offre con generosità e lucida determinazione. Un’occasione per favorire il suo ingresso nell’età adulta, andando a ritroso nel tempo, soffermandosi con implacabile ironia sui personaggi e le situazioni che si muovevano attorno a Peppa.
Dopo questo “incontro” per Chicca la percezione della vita futura non sarà più come prima.

 

L'autore

Anna Maria Disanto (Triggiano, Ba) ha insegnato Psicologia dello Sviluppo e dell’Educazione presso la Facoltà di Lettere e Filosofia della Università di Roma Tor Vergata, fino al marzo 2012, anno in cui è andata in congedo.
Si è laureata in Psicologia presso l’Università La Sapienza di Roma e si è specializzata in Psicoterapia dell’Età Evolutiva ad orientamento analitico presso l’Istituto di Neuropsichiatria Infantile dell’Università di Roma La Sapienza. Attualmente vive a Roma.
È al suo secondo romanzo; ha esordito con L’ultimo aquilone (Roma 2015).

 


Ettore Catalano

Massimo d'Azeglio. Ettore Fieramosca

Raccontato da Ettore Catalano
Illustrato da Noemi Quintieri

Collana: cri cri – classici ragazzi illustrati
Edizione: 2016, pp. 80 con ill. a col.
ISBN/ISSN: 978-88-6194-315-5

 

 

Il libro

cri cri – classici ragazzi illustrati: una nuova collana

Il Classico è, anche per i giovani lettori, come un parente che ci sta simpatico, o come l’amico del cuore, dal quale non vorremmo mai separarci, e al quale confidiamo tutto, senza nessun segreto.
Le parole e le immagino, spesso, spingono la fantasia a immaginare e a creare mondi e personaggi delle storie che sta leggendo.
La nuova collana «classici illustrati ragazzi» intende diffondere il gusto per la lettura, con percorsi strutturati per temi, personaggi, luoghi.
Apparati critici leggeri, illustrazioni sempre originali, riscritture in chiave pop ed esercitazioni ludiche (da svolgere anche sui social network), completano l’offerta editoriale.

La scaltrita sensibilità storica del lettore impedisce di guardare alla disfida tra cavalieri italiani e baroni francesi come ad una anticipazione del riscatto nazionale del nostro Paese. Massimo d’Azeglio la pensava diversamente. Con l’Ettore Fieramosca imbastì, oltre a un magnifico dipinto, una storia di guerra e di amori che si allontanava di molto dalla scuola manzoniana. Quel che gli interessava era contribuire alla rigenerazione del carattere nazionale e in questo egli ebbe successo.
Riprendere oggi il romanzo del 1833 e raccontarlo ai giovani lettori, sfrondandolo da ripetizioni e da inutili complicazioni “gotiche”, vuol dire ridargli quella dignità di “classico”: documento di una passione intellettuale e politica che voleva costruire, contro ogni precetto letterario o preteso canone, una inedita e polemica identità italiana.

 

L'autore


Ettore Catalano
, già ordinario di Letteratura italiana nelle Università degli studi di Bari Aldo Moro e del Salento, si è occupato della letteratura italiana dell’Ottocento e del Novecento, non trascurando i contemporanei e la letteratura regionale. Drammaturgo e regista teatrale, dirige collane di saggistica letteraria. Ha ricostituito e presieduto per oltre dieci anni il Comitato di Brindisi della Società Dante Alighieri.
Tra le opere, ricordiamo, per i nostri tipi, La metafora e l’iperbole. Studi su Vittorini (2007), Le caverne dell’istinto (2011), Per altre terre. Il viaggio di Ulisse (2012), Strategie di scrittura nella letteratura italiana (2013), I cieli dell’avventura. Forme della letteratura in Puglia (2014); inoltre la cura di Letteratura del Novecento in Puglia. 1970-2008 (2010²) e di La fortuna di Boccaccio nella tradizione letteraria italiana (2015).

L'illustratrice

Noemi Quintieri (Cosenza, 1991) è cresciuta a Pietrafitta. Ha frequentato la Facoltà di Architettura presso il Politecnico di Bari, dove si è laureata. Appassionata del mondo dell’illustrazione, della grafica e del fumetto, coltiva questa personale inclinazione, anche frequentando corsi in merito e partecipando, come illustratrice, a manifestazioni. Ha collaborato con Cosimo Rodia per la realizzazione delle illustrazioni del libro Non ci posso credere! Racconti e misteri dell’Altrove (Progedit, 2016).



 


Manlio Triggiani

Favole lucane

 

Illustrazioni di Clara De Cristo
Collana: Briciole
Edizione: 2016, pp. 196 con ill. a col.
ISBN/ISSN: 978-88-6194-313-1

 

 

Il libro

Questi racconti della tradizione e della cultura lucane mostrano, in filigrana, i valori di una comunità e lo spaccato di un mondo non ancora scomparso. È un miracolo che sopravvivano queste favole, visto come la Lucania è stata bistrattata dalla storia: con l’unità d’Italia il territorio subì una pesante repressione del brigantaggio che colpì con leggi vessatorie i “basilischi”. Tra Ottocento e Novecento, la regione conobbe un’emigrazione verso il “nuovo mondo” senza precedenti. Interi paesi sono oggi disabitati.
Eppure, eccola rispuntare la civiltà dei Lucani da una sapienza antica che in storie e storielle argutamente sorride alla sorte. Fanno da corona fate, mostri, monacelli, angeli, bambini, principi azzurri, re e regine, zingare e draghi, lupi, volpi, uccelli, orchi e ragazze brave, cattive, povere, belle e fortunate.
Il libro si rivolge, come le Favole pugliesi, più volte ristampate, a un pubblico di giovani perché forgino la propria identità e a un pubblico di adulti perché si riconoscano nel passato.

 

L'autore



Manlio
Triggiani (Bari, 1955), giornalista professionista, è laureato in Giurisprudenza. Da anni si occupa di studi delle tradizioni, di attualità e di cultura. È componente della Società di storia patria della Puglia. Collabora con il Gruppo Pagine e con «La Gazzetta del Mezzogiorno». Con Progedit ha pubblicato, inoltre, Storia del Natale (2005) e Favole pugliesi (2009).

Clara De Cristo è nata a Bari, dove vive e lavora. Dopo gli studi artistici ha partecipato a concorsi di pittura in diverse località italiane. Ha realizzato mostre di pittura collettive e personali, ha collaborato con teatri disegnando complementi scenografici, ha contribuito alla didattica di scuole elementari e medie mediante corsi di pittura e cartapesta. Per i nostri tipi ha illustrato Nonni da favola (2013) e ha contribuito alle illustrazioni delle Favole pugliesi (2009) di Manlio Triggiani.